I primi 5 giorni in Thailandia li trascorriamo all’isola di Phuket, ecco cosa puoi fare.

Indicazioni su come spostarsi a Phuket

Per noi il trasferimento da Phuket airport a Rawai in taxi costa ฿ 1000. La distanza è di circa 50 km con un tempo di percorrenza medio di un’ora e mezza. 

Spostarsi in autobus Phuketsmartbus – è molto più lento perché le fermate rallentano il tragitto.

Ci sono poi i van condivisi che hanno un prezzo leggermente inferiore rispetto ai taxi privati. Lo svantaggio è che bisogna aspettare anche mezz’ora prima che sia completo per partire e deve fermarsi alle tappe scelte dagli altri passeggeri.

Ti consiglio di scaricare l’app Grab da utilizzare per la prenotazione di mezzi di trasporto durante tutto il soggiorno, sia per Thailandia che Malesia.

Dove alloggiare a Phuket

Non posso stare a ad elencare tutte di strutture presenti a Phuket, ma sui siti come Booking.com o Airbnb si trovano un’infinità di soluzioni. Basta applicare i filtri in base alle tue preferenze, tra hotel, guesthouse, ostelli, case private. Per le zone invece ti consiglio il sito viaggiaphuket.com dove vengono illustrate in maniera esaustiva.

I nostri cinque giorni a Phuket

Noi alloggiamo in hotel a Rawai. Noleggiamo lo scooter 125cc – non più alto di cilindrata, perché c’è il rischio che in caso di incidente l’assicurazione non risponda – il prezzo del noleggio si aggira intorno ai ฿ 350 (circa € 9) al giorno. Per noi lo scooter risulta la soluzione migliore perché ci permette di spostarci a nostro piacimento.

In 4 giorni visitiamo le spiagge e i luoghi più interessanti nella parte meridionale dell’isola di Phuket.

Rawai Beach, dove si trovano numerose bancarelle che straripano di pesce fresco;

Phrom Thep Monastery e Phra Phrom Square, il monastero hindu, colmo di statue di elefanti di ogni dimensione e materiale, meta di pellegrini; Cape Phrom Thep, dove si gode di una splendida vista dal promontorio, e Windmill Viewpoint, luogo da dove partono i temerari che volteggiano nel cielo sopra le pendici col parapendio; Yanui Beach, la bellissima spiaggetta con sabbia, scogli e l’ombra degli alberi; Kata Noi Beach, una lunga spiaggia attrezzata con sdraio, ombrelloni a ฿ 200 e chioschi di cibo, bevande e souvenir.

Il Big Buddha Viewpoints merita cinque stelle. La vista è strepitosa. Non si può mancare di raggiungere la maestosa statua del Buddha situata sulla sommità della collina, nella zona centrale dell’isola. 

In cima alla grande scalinata prendo parte a dieci minuti di meditazione guidata, gratuita, all’ombra di un grande albero. Un’esperienza che fa sentire bene e provare felicità. 

Proseguendo, nel percorso di discesa, si trovano alcune sale nella vegetazione, dove è possibile ricevere la benedizione dal monaco. 

Poco lontano, sulla via del ritorno, nel verde contesto naturale della giungla, al Phuket Elephant Top Hill c’è chi prova l’emozione di farsi trasportare da un elefante, in un percorso nella foresta e chi invece non approva lo sfruttamento degli animali. 

Visita al Chalong Temple. Il complesso comprende numerosi edifici, templi, stupa, ville e giardini; c’è pure un forno crematorio tutto dorato. Nei piccoli forni situati nei giardini davanti ai templi i fedeli buttano dei petardi a scoppiare nella brace. 

Nel vatt principale ci sono tre Buddha che vengono ricoperti dai fedeli da sottili foglietti d’oro.

Il Sunday Walking Market si svolge nel centro della vecchia di Phuket Town. Si tratta di bancarelle di street food e prodotti artigianali particolari. È un piacere da visitare oltre che per il gusto e il profumo delle varie pietanze anche perché è animato con la musica e i canti di artisti di diverso genere. Qui si vedono turisti provenienti da ogni parte del mondo.

Non dimenticate che le vie fino a Rawai sono molto trafficate bisogna fare molta attenzione nella guida.

Phuket sito turistico ufficiale

Sicuramente troverai molte più informazioni e scelta su come trascorrere qualche giorno a Phuket sul sito turistico ufficiale

Altri 3 giorni decidiamo di trascorrerli alle Surin Islands

Puoi vedere i dettagli del viaggio partendo da Phuket cliccando qui

Puoi trovare l’itinerario completo di un mese in Thailandia, Malesia e Singapore cliccando qui


Laura Cretti

Mi piace viaggiare in Italia e nel mondo, in camper, in auto, in treno, in bus. Sempre alla scoperta di luoghi e culture nuove. Dopo più di vent’anni di vita da camperista, e innumerevoli appassionanti viaggi, eccomi a scrivere e raccontare alcuni dei più emozionanti itinerari intrapresi, con i miei bambini a bordo, in Italia, Europa e alcuni paesi del mondo. Per i tuoi viaggi puoi prendere spunto dagli itinerari negli articoli del blog, spero ti possano essere utili! Non vedo l'ora di conoscere anche i tuoi. Se hai fatto un bel viaggio che ti piacerebbe raccontare contattami, lo pubblicherò qui, scrivendo il tuo nome. Lo scopo è di arricchire il blog di itinerari di camperisti per i camperisti per far crescere la curiosità e la voglia di scoprire posti sempre nuovi. Ho pubblicato due libri dal titolo: "Mamma, dove andiamo con il camper?" - Il primo contiene 26 itinerari in camper in Italia, Nord e Centro; il secondo 12 itinerari in Italia Centro, Sud e Isole, nei quali ho raccolto alcuni dei miei diari delle uscite in camper, con gli itinerari e annotazioni di viaggio. Puoi scaricare gratuitamente l'estratto di "Mamma, dove andiamo con il camper? - Italia - Nord e Centro" dalla Home page

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *